WIN - Welfare d'iniziativa

Il progetto WIN è un progetto sociale di rete, che cerca di contrastare le povertà attraverso varie tipologie di interventi che hanno un minimo comun denominatore: accompagnare le persone e le famiglie dall'assistenzialismo all'autonomia.

Il soggetto capofila è l’Associazione Vecchie e Nuove Povertà onlus, riconosciuta dalla Regione Toscana e nata a Empoli nel 2009. Insieme all'associazione VNP partecipano al progetto una moltitudine di soggetti

  • 13 Caritas
  • 8 Associazioni di Volontariato
  • 6 Cooperative Sociali (tra cui il consorzio CO&SO Empoli)

 

L’idea del progetto WIN prova a rispondere a due tipi di bisogni:

- il 'bisogno' dei poveri: causa l’aggravarsi della crisi economico-finanziaria e della crisi della dimensione affettiva con conseguente incremento della povertà anche verso nuove fasce di popolazione

- il 'bisogno' degli Enti: tutti gli enti pubblici e privati si trovavano in grande difficoltà per rispondere alle nuove emergenze

In questo contesto le Caritas, il Volontariato e la Cooperazione Sociale hanno deciso insieme di «prendersi cura» dell’emergenza povertà, conoscendosi, lavorando insieme e integrando le proprie esperienze, competenze e risorse.

Nel novembre 2014, seguendo la linea tracciata dalla ‘Carta per una Responsabilità Sociale Condivisa’ approvata dal Consiglio di Europa a gennaio 2014, è stato stipulato il Patto Territoriale di Reciprocità tra l’Unione dei Comuni del Circondario Empolese-Valdelsa, l’associazione VNP, i sindacati dei lavoratori e le associazioni imprenditoriali di categoria, approvando e dando il via al progetto WIN (la stipula del Patto è l'elemento fondante del progetto, in quanto da il via formale alla corresponsabilità delle varie organizzazioni in merito agli inetrevnti sociali da realizzare).

 

La filosofia del progetto:

  • sviluppo di azioni di contrasto a forme vecchie e nuove di povertà, di marginalità ed esclusione sociale;
  • laboratorio di Welfare di Comunità per ripensare e rendere efficace la spesa sociale con un nuovo sistema di governance e operatività;
  • alleanza tra pubblico e privato, tra profit e non profit per una sussidiarietà circolare che arricchisce il sistema di programmazione territoriale, garantendone continuità e sostenibilità.

 

I risultati che il progetto WIN si è posto come obiettivi concreti per l'anno in corso, 2015:

  • creazione rete dei soggetti pubblici e privati e di un software comune d’intervento
  • 160 diagnosi complessive sui casi provenienti dai tavoli territoriali
  • 150 azioni di avvio di accompagnamento per inserimenti lavorativi 
  • 10 progetti di creazione d’impresa e/o sviluppo di nuovi settori di imprese già esistenti
  • 32 rientri in percorsi di formazione/istruzione
  • 62 progetti di inserimento lavorativo non curriculari
  • 10 assunzione a tempo determinato presso cooperative sociali e altre aziende
  • 18 inserimenti con progetti ‘Giovani SI’
  • 18 attivazioni di percorsi assistenziali in collaborazione con ASL 11, finalizzati al reinserimento lavorativo

 

Il progetto, attraverso il Patto Territoriale di Reciprocità e le attività della rete, produrrà anche altri valori:

  • valore economico: aumentando il numero di soggetti occupati che passano da soggetti passivi a soggetti attivi del processo economico. Aumento anche delle aziende profit disposte a collaborare per la creazione di nuove attività e start-up
  • valore sociale: recuperando al contesto socio-relazionale persone emarginate
  • valore culturale: diffondendo nella Comunità i valori dell’equità, della tolleranza, della mutualità e della solidarietà (attenuando le conseguenze della crisi socio-economica)

 

Allegata la presentazione in inglese del progetto

 

AllegatoDimensione
File WIN Presentation English.pptx1.64 MB